Impianti di videosorveglianza: quando è bene installarli e quali caratteristiche devono avere

332

Attualmente, in Italia, stanno prendendo sempre più piede gli impianti di videosorveglianza, sia in ambito lavorativo che domestico, i quali differiscono dai sistemi di allarme, anch’essi piuttosto diffusi. Ciò avviene soprattutto per incrementare la sensazione di sicurezza, monitorando alcune zone specifiche, che sono tendenzialmente difficili da controllare e che potrebbero essere violate da malintenzionati.

Di fatto, la videosorveglianza ha come obiettivi principali, la deterrenza nei confronti di eventuali atti vandalici o criminosi, i preservamento di beni di vario tipo ed, appunto, l’aumento della sensazione di sicurezza percepita. Ma non basta, in quanto le telecamere possono servire anche ad altre importanti funzioni, che è bene conoscere.

Si tratta, certamente, di dispositivi costosi, ma che possono rivelarsi davvero utili in determinate circostanze. L’importante è affidarsi a ditte specializzate, in grado di garantire prodotti di qualità ed efficienti. Infatti, le soluzioni proposte in commercio sono tante, ma non tutte si dimostrano effettivamente valide.

Quando è necessario dotarsi di un sistema di videosorveglianza

Un aspetto molto importante sul quale vale la pena di ragionare, è quando serve un sistema di videosorveglianza. Infatti, non sempre è consigliato provvedere all’installazione di telecamere. Di fatto, può essere utile per garantire una maggiore sicurezza e protezione delle mura domestiche o dei luoghi di lavoro e di chi vi opera al loro interno. Infatti, tale soluzione permette di scoraggiare i malintenzionati.

Tuttavia, bisogna dire che i sistemi di videosorveglianza consentono anche di controllare le abitazioni e gli ambienti lavorativi anche a distanza. Infatti, ad esempio, le telecamere IP sono concepite per permettere la visione di quello che accade in streaming, sul proprio dispositivo mobile. Inoltre, vi sono soluzioni pensate per garantire assistenza agli anziani, ai più piccoli ed anche agli animali, in quanto alcuni impianti possono essere collegati a sistemi di allarme provvisti di telecomandi SOS od Antipanico.

Infine, alcuni dispositivi possono fungere anche da baby monitor, giacché consentono di controllare i bambini poste in altre stanze della casa. Un sistema che può risultare efficace anche quando si affida il proprio piccolo ad una babysitter e si vuole avere la certezza di quello che sta accadendo in propria assenza.

Scegliere un sistema di video sorveglianza adeguato alle proprie necessità

Per essere efficace, un impianto di videosorveglianza deve essere coerentemente dimensionato, ma anche disporre della corretta tecnologia. In poche parole, è necessario commisurare le soluzioni disponibili sul mercato, con le reali esigenze. Se, ad esempio, le telecamere devono essere installate in una zona ad alto rischio di vandalismo, è importante verificare che siano dotate della protezione antivandalica.

Così, se si vuole parlare attraverso il dispositivo, così da comunicare direttamente con il proprio figlio che si trova in una altra stanza, è necessario provvedere a recuperare un apparato idoneo. Di fatto, ogni esigenza, dalla più semplice alla più articolata, prevede una particolare soluzione tecnica ed anche tecnologica.

L’aspetto più complesso è capire quali siano le effettive esigenze e quali i vincoli normativi, ambientali e tecnici. Ecco, perché è importante affidarsi a professionisti del settore, in grado di consigliare per il meglio in merito alle telecamere da installare, e di fornire assistenza, in caso di necessità.