Ben Vivere: nella classifica di Avvenire Parma è al quinto posto

412
Ben-vivere-classifica-parma

A Parma si vive bene: è quanto emerso dalla classifica che è stata stilata di recente da Avvenire e che sarà presentata in via ufficiale oggi al Festival dell’Economia Civile di Firenze e che porta il titolo “Ben Vivere: l’Avvenire dei territori”. Non è certo la prima volta che ci troviamo a tirare le somme sulla qualità della vita nelle città italiane a dirla tutta Parma non è sempre stata nelle prime posizioni. Nella classifica di Italia Oggi risultava la città migliore dell’Emilia Romagna occupando un ottimo 6° posto, ma in quella del Sole 24 Ore la situazione sembrava capovolta: Parma occupava infatti una 29esima posizione.

Nella nuova indagine condotta da Avvenire però la città recupera nuovamente posti: in questo caso i parametri di valutazione sono differenti, ma sembra proprio che a Parma si possa affermare di vivere bene. Se poi andiamo a confrontare questa realtà con quella di altre città italiane, non c’è proprio alcun dubbio: ai parmigiani non va poi così male. Se quindi la qualità dell’aria a Parma è da sempre un bel problema, ci sono altri fattori che meritano di essere presi in considerazione e che rendono questa città un luogo ideale.

La classifica di Avvenire: Parma al 5° posto

Nella classifica di Avvenire Parma occupa un ottimo quinto posto, superata rispettivamente da Bolzano, Trento, Pordenone e Firenze. Nella top 10 troviamo anche Pisa, Milano, Bologna, Gorizia ed Udine, mentre nella Capitale sembra che le cose non siano così idilliache. Roma infatti, nella classifica di Avvenire, è collocata in basso: al quarantesimo posto per l’esattezza. Possiamo quindi essere fieri di Parma, che ha ottenuto dei punteggi alti soprattutto per quanto riguarda 3 parametri: salute, lavoro e sicurezza. 

Sul tema della salute non ci sono poi molti dubbi: questa città ha sempre dimostrato di avere le carte in regola per accogliere strutture d’eccellenza e proprio in questi giorni è stato presentato il progetto nel nuovo centro oncologico. Per quanto riguarda il lavoro a Parma ci sono sempre alcune lamentele, ma se confrontiamo la situazione di questa città con il resto d’Italia i parmigiani non si possono certo lamentare. Sicurezza e legalità sono poi molto buone, anche se com’è normale i furti ci sono anche a Parma.

Gli altri parametri di valutazione

Per quanto riguarda gli altri parametri di valutazione impiegati da Avvenire per stilare la classifica, possiamo dire che Parma ha ottenuto comunque dei buoni punteggi. Vediamoli brevemente nel dettaglio.

Come abbiamo detto, il punteggio massimo è stato ottenuto solamente su salute, sicurezza e lavoro. Non sono stati da meno però anche altri parametri ossia demografia e famiglia, economia e inclusione e capitale umano. Meno forti sono risultati invece impegno civile, ambiente turismo e cultura, servizi alla persona e accoglienza.

Va però precisato che Parma non ha ottenuto il punteggio minimo in nessuno dei parametri presi in considerazione, quindi nel complesso questa città si può ritenere più che vivibile. Non la possiamo certo paragonare a Bolzano o Trento, che hanno ottenuto il massimo in moltissimi dei parametri considerati, ma di certo i parmigiani possono ritenersi fortunati.