Nuovo Centro Oncologico di Parma: il 28 marzo sarà presentato il progetto

442
Centro-oncologico-parma

A Parma nascerà un centro oncologico unico, che fornirà ai pazienti il massimo per quanto riguarda accoglienza e qualità delle terapie. Il progetto, ideato ormai da alcuni anni, è stato finalmente approvato dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria e può contare sulla collaborazione della Fondazione Munus e dell’Unione parmenze degli industriali. Si tratta di una novità che senz’altro porterà ulteriore lustro nel settore sanitario di Parma, che in più occasioni ha dimostrato di essere all’avanguardia. Ricordiamo a tal proposito che proprio presso l’Ospedale di Parma è stato identificato quest’anno il primo virus influenzale e che il vaccino è stato prontamente reso disponibile proprio dall’azienda sanitaria. Parliamo quindi di una realtà d’eccellenza ed il nuovo centro oncologico non potrà che confermarla.

La nuova struttura, interamente dedicata ai pazienti oncologici, nascerà grazie al finanziamento della Regione Emilia Romagna, dello Stato, della Fondazione Cariparma e dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria della città.

Centro oncologico di Parma: la presentazione del progetto il 28 marzo

La presentazione ufficiale del progetto del centro oncologico unico dell’Ospedale Maggiore di Parma si terrà giovedì 28 marzo 2019 presso l’auditorium Carlo Gabbi di Cariparma Credit Agricole in via La Spezia. Nel corso di questo incontro, aperto a tutti, verrà illustrato in modo dettagliato il progetto della nuova struttura, che sorgerà in via Volturno, a fianco della Torre delle Medicine e avrà un accesso carrabile da via Abbeveratoia.

Il centro oncologico occuperà una superficie totale di ben 9.000 mq e si svilupperà su 6 piani, tutti dedicati alle  terapie oncologiche, alla radioterapia e alla degenza del pazienti. Gli ambulatori saranno 35, mentre nel piano seminterrato verranno predisposti 3 locali per gli acceleratori lineari. All’esterno un ampio parcheggio con 200 posti auto garantirà la massima comodità ai pazienti.

La realtà attuale a Parma non è delle migliori per i pazienti oncologici, che sono ben 7.000 e vengono seguiti da 160 specialisti dell’ospedale Maggiore. Il problema è che oggi le unità ospedaliere sono separate: la Radioterapia, il Day hospital e la degenza oncologica sono collocati in strutture distanti tra loro e questo non è certo favorevole per i malati. Avere un unico centro di riferimento quindi può rivelarsi fondamentale, non solo per una maggior comodità negli spostamenti ma anche per un’assistenza migliore e più organizzata.

Questa nuova struttura sarà la svolta nel settore oncologico e con l’aiuto dei cittadini potrebbe diventare un pnto di riferimento a livello nazionale.

La raccolta fondi per migliorare la struttura

La presentazione del progetto del 28 marzo sarà anche l’occasione per lanciare una raccolta fondi fondamentale nell’ottica di un miglioramento della struttura. Con il contributo dei cittadini infatti, il nuovo centro oncologico potrà diventare un punto di riferimento d’eccellenza per le cure oncologiche e accogliere delle tecnologie di ultima generazione. Ormai lo sappiamo bene tutti quanti: la strumentazione nel settore oncologico è fondamentale e se si riesce ad essere al passo con i tempi e con le ultimissime tecnologie si possono raggiungere anche quei risultati spesso insperati dai pazienti affetti da tumore.

Per questo la collaborazione dei cittadini risulta indispensabile: per rendere l’ospedale oncologico una struttura d’eccellenza nel panorama italiano e non solo parmigiano. Tutti i dettagli saranno annunciati durante l’incontro del 28 marzo.