Giornate FAI di Primavera: il Palazzo Ducale a Parma è stato il secondo sito più visitato in Italia

301
Parma-FAI-Palazzo-ducale

Hanno riscosso un enorme successo in tutta Italia, le Giornate FAI di Primavera appena trascorse e questa iniziativa si è confermata anche quest’anno una grande opportunità. Gli italiani, ma anche gli stranieri, sono stati ben felici si poter scoprire quei luoghi che fanno parte del patrimonio storico e culturale italiano e che spesso non sono accessibili al pubblico. Ma a Parma il successo è stato doppio: Palazzo Ducale è stato infatti il secondo sito più visitato in assoluto in questi due giorni, preceduto solamente dalla Banca d’Italia a Bari.

Il successo dell’iniziativa quest’anno è stato proprio da record: in tutta la Penisola sono stati moltissimi i visitatori che si sono messi in coda per approfittare di questa imperdibile opportunità. Parma non è certo stata da meno, considerando l’enorme affluenza non solo a Palazzo Ducale ma anche Palazzo Rangoni. I turisti sono stati tantissimi e la fatica dei volontari è stata senz’altro ripagata dall’entusiasmo delle persone che sono accorse per scoprire questi luoghi dal fascino incredibile. Ricordiamo che Palazzo Ducale, oggi sede dell’Arma dei Carabinieri, è solitamente chiuso al pubblico: lo scorso fine settimana è stato aperto in via del tutto eccezionale.

Palazzo Ducale a Parma: il secondo sito più visitato

Palazzo Ducale è stato il secondo sito italiano più visitato in occasione delle Giornate FAI di Primavera, preceduto solamente dalla Banca d’Italia a Bari che ha accolto nelle due giornate ben 14.000 visitatori. A mettersi in coda per approfittare dell’opportunità di vedere l’interno di Palazzo Ducale sono state 6.500 persone: un numero da record che ha scatenato entusiasmo anche all’interno della amministrazione. Parma si sta preparando per diventare Capitale italiana della cultura nel 2020 e questi numeri non fanno altro che portare ulteriore lustro ad una città che sicuramente ha molto da offrire ai turisti.

Le giornate FAI di Primavera si sono quindi confermate un grandissimo successo anche a Parma, che ha saputo valorizzare quelli che sono i tesori del Fondo Ambiente Italiano.

Giornate FAI di Primavera: record di visitatori in tutta Italia

Ma le Giornate FAI di Primavera non sono state un successo solamente a Parma: in tutta Italia sono stati moltissimi i visitatori, italiani e stranieri, che hanno dedicato queste giornate alla scoperta dei siti che spesso non sono accessibili al pubblico. La Banca d’Italia a Bari ha registrato un vero e proprio record di presenze, con ben 14.000 visitatori. Anche Parco Villa Gregoriana a Tivoli è stato molto gettonato dai turisti, con oltre 5.800 presenze.

Ma i siti che sono stati visitati in tutta la Penisola, da nord a sud, sono stati davvero moltissimi: da Villa Bussandri a Bassano del Grappa che ha accolto più di 5.000 persone alla città di Matera che in tutto ha aperto le porte a 16.000 turisti nei vari siti.

Anche gli italiani stanno ricominciando ad apprezzare l’immenso patrimonio artistico, storico e culturale della nostra Penisola e questo è sicuramente un dato positivo. L’Italia ha moltissimi tesori nascosti, e in queste occasioni vale proprio la pena approfittarne perchè il nostro Bel Paese ci può offrire davvero tantissimo e valorizzarlo è un nostro dovere.