Ravenna: la città bizantina

58

A pochi chilometri della costa adriatica, Ravenna è una città ricca di storia che conserva dei meravigliosi mosaici risalenti all’epoca bizantina. Se stai cercando una meta per un weekend lungo oppure una città da visitare tra le giornate di mare, Ravenna è un’ottima idea.

I meravigliosi mosaici antichi: dove vederli

I monumenti principali che vanno visitati sono la basilica di San Vitale, quella di Sant’Apollinare Nuovo e anche Sant’Apollinare in Classe dove si trovano i bellissimi mosaici. Ce ne sono ancora altri al mausoleo di Galla Placidia e di Teodorico, nonché presso il battistero degli Ariani e quello della Neoniano. Infine, altri mosaici di straordinaria bellezza sono conservati alla cappella di Sant’Andrea. Tutti i punti di maggiore interesse si trovano nel centro storico di Ravenna dove puoi passaggiere tra le vie da un punto di interesse all’altro. Fanno eccezione il mausoleo di Teodorico e la basilica di Sant’Apollinare in Classe che sono un po’ fuori dal centro.

La bellezza dei mosaici è impagabile e quelli che vanno assolutamente visti almeno una volta sono a San Vitale, dove trovi la rappresentazione di Giustiniano e Teodora. Altra meraviglia da non perdere è il cielo stellato che decora la cupola di Galla Placidia, mentre a Sant’Apollinare in Classe ammiri il musaico che riproduce un bellissimo prato verdeggiante. Se sei alla ricerca di idee per viaggiare questa può essere una valida alternativa.

I siti archeologici: dove sono

Ravenna però non conserva solo testimonianze del suo passato bizantino poiché essa è stata fondata dai romani. Negli anni 200 sono iniziati gli scavi per riportare alla luce una domus, chiamata dei Tappeti di Pietra, accanto a Sant’Eufemia, e il Porto di Classe. La Domus ha visto diverse successioni, tra cui anche bizantine, i segni del loro passaggio sono visibilissimi, la struttura ha bellissimi mosaici policromi con motivi floreali, geometrici ma anche rappresentazioni di vita quotidiana. Classe era l’area portuale di Ravenna durante l’era del sacro romano impero, prima, e bizantina, poi. Oggi il parco archeologico comprende un’area davvero molto vasta proprio vicino alla basilica di Sant’Apollinare in Classe.

I musei: dove sono situati

Ravenna però non è solo mosaici ma ci sono altri luoghi che possono attirare la tua attenzione. Ricorda di visitare la tomba del sommo poeta Dante Alighieri, che si trova facilmente accanto alla chiesa di San Francesco. Dopo la tomba, puoi visitare anche il museo Dantesco. Altro museo da non perdere è quello Arcivescovile che raccoglie le riproduzioni reali di tutti questi tesori antichi che oggi sono andati persi, come la Cattedra di Avorio di San Massimiliano, sempre risalante all’era bizantina. Il museo Nazionale ha anch’esso molti reperti ma se ti interessa anche l’arte contemporanea, vale la pena visitare il museo d’Arte.

Tra i molti musei che la città di Ravenna ospita c’è anche quello del Risorgimento che è ospitato nella chiesa di San Romualdo. Oltre ai musei, è da vedere assolutamente la rocca Brancaleone e anche il palazzo di Teodorico. Per i più piccoli il parco di Mirabilandia è davvero vicinissimo.