Ciclabile sul torrente Parma: ancora tante polemiche e scontri

435
ciclabile torrente parma

Il Pd a Parma è molto perplesso in merito al progetto del Comune per il torrente Parma e la ciclabile che correrebbe a fianco. L’idea presentata dall’amministrazione riprende progetti già formulati in passato e la dirigenza Pd trova il progetto inutile ed eccessivamente costoso. La presenza è quella di arrivare presto a un punto al fine di poter avviare al più presto i lavori e arrivare a Parma 2020 Città della Cultura con una ciclabile lungo il fiume finita. Intanto, l’ex assessore all’ambiente carica un video dove dichiara che a lui il tratto ciclabile piace, anche se il WWF specifica che quello percorso è già agibile e la polemica invece riguarda un tratto aggiuntivo.

Una soluzione non valida

Purtroppo, allo stato odierno, il percorso ciclabile non si prospetta esser un’alternativa di mobilità sostenibile ai soliti percorsi stradali, ma solamente un percorso paesaggistico. Tant’è vero che la ciclabile non rientra negli strumenti di pianificazione Pums. Due chilometri di pista ciclabile dal costo di 700 mila euro sono davvero senza senso.

Il problema del forte inquinamento della città di Parma richiede soluzioni di mobilità alternativa che però non comprendo questo percorso ciclabile che è ricco di salite e discesa e ormai in disuso da molto tempo a causa dell’inagibilità del percorso.

I dem richiedono interventi più sostanziali per migliorare la qualità della vita in città e per spostare quote di traffico sulle due ruote. È in forte dubbio che la pista ciclabile lungo il torrente possa essere un collegamento valido e molto utilizzato per il tratto stazione – Campus. Il problema principale della ciclabile sarebbe i periodi in cui si bagni per effetto delle esondazioni del torrente. Ciò renderebbe la pista impraticabile per alcuni mesi all’anno, rendendo difficile che la pista diventi un’alternativa stabile ai soliti mezzi di trasporto privato.

Per rendere la bicicletta un mezzo alternativo all’automobile privata, il Pd indica altri interventi come più urgenti, come il potenzialmente della rete già esistente realizzando più raccordi e mettendo in sicurezza gli attraversamenti, come quello alla rotonda di via Montebello e altre. Altro intervento utile e necessario riguarda l’adeguamento della segnaletica.

Una soluzione costosa

Altro problema che fa storcere il naso ai consiglieri Pd quando si parla della pista ciclabile lungo il torrente Parma è il suo costo, considerato troppo alto. Il progetto è costoso e lo sarebbe anche la relativa manutenzione. Utilizzare le risorse pubbliche in modo oculato è ora fondamentale, concentrandosi su interventi realmente utili ai cittadini. bisogno fare attenzione a non investire troppo denaro in interventi mal riusciti e inutili, vedi quello in via Mazzini.

Conservare la fauna e flora del torrente

Da ultimo, c’è da prendere in considerazione anche il fatto che il torrente presenta una sua flora e fauna specifica che meritano di esser tutelate. Non solo la questione ecologica e ambientale, ma modificare l’alveo comporta problematiche di sicurezza idraulica.

Il torrente ha un’importante singolarità ecologica che va tutelata al fine di non perderla. Per l’abbiente e l’ecosistema questi luoghi semi paludosi rivestono un ruolo fondamentale. Inoltre, il ruolo è importante anche per la sensibilizzazione ecologica.

Loading...