Parma festeggia l’8 marzo e le donne con un programma ricchissimo

450
festa donne 8 marzo parma

L’assessorato alle Pari opportunità del comune di Parma, in collaborazione con le associazioni femminili della provincia, ha preparato un ricco programmi di eventi per festeggiare le donne e l’8 marzo. Le iniziative non sono solo previste per la giornata di venerdì, ma anche per il resto del mese per festeggiare il mondo femminile e puntare i riflettori sull’universo rosa. La rassegna prende infatti il nome di “30 giorni in città per raccontare le donne” con iniziative, incontri, appuntamenti, eventi, riflessioni, presentazioni e tanto altro ancora. Raccontare i problemi, le condizioni, le eccellenze e le storie delle donne è lo scopo della kermesse che rivela davvero molto ricca ed eterogenea nelle sue proposte.

Gli incontri sono iniziati lunedì 4 a palazzo Soragna con un incontro con Azzurra Ammirati, comandante della compagnia dei carabinieri di Parma toccando più temi del mondo al femminile ma anche sulla famiglia, sulla sicurezza, sul lavoro etc. Giovedì 7 marzo, dalle 8.30 alle 13.30, l’Ausk e l’Azienda ospedaliera tocca al Convegno La medicina delle differenze. Passato, presente e futuro della sanità femminile per il benessere e la salute delle donne.

Venerdì 8 marzo si inaugura ufficialmente il festival Donne in mostra: una tre giorni dedicata a pittura, poesia, danza, musica e tanto altro al femminile presso l’ex oratorio di San Quirino. La mostra resta aperta anche sabato 9 e domenica 10 marzo.

Nella giornata internazionale delle donne, altri due appuntamenti: alle 21 al Teatro al Parco una performance di danza R.OSA 10 esercizi per nuovi virtuosismi. Alla stessa ora, al The Space Cinema campus ci sarà la proiezione del film I villeggianti di Valeria Bruni Tedeschi. Il ricavato sarà devoluto alla realizzazione di borse di studio per donne

Si prosegue con il ricco programma sabato 9 marzo alle 21 al Teatro al Parco con il concentro di Olivia Sellerio in Zara Zabara. Lo spettacolo che porta in tour le 12 canzoni per Montalbano della compositrice di Palermo sono a ingresso gratuito e parlano di accoglienza, amore, donne, denuncia, sopravvivenza.

Sabato 9 al Teatro Regio di Parma alle 15:00 bambine e bambini dai 6 agli 11 anni leggeranno le storie femminili del Novecento. Il programma prosegue al settimana dopo; mercoledì 13 alle 18 presso lo Studio S tocca a un incontro dal titolo: Biotestamento-Disposizioni Anticipate di Trattamento: istruzioni per l’uso.

Sabato 16 marzo inaugura all’ex oratorio di San Quirino alle 17 una mostra davvero shoccante che tratta di un tema delicato ma doveroso. Com’eri vestita? è una raccolta di abiti e indumenti che le donne vittime di violenza e stupro indossavano quel giorno, volendo così sfatare ogni stereotipo. La mostra a cura del Centro antiviolenza di Parma con il Centro antiviolenza Cerchi d’acqua di Milano è visitabile fino al 24 marzo.

Al liceo artistico Paolo Toschi martedì 19 marzo alle 11 si congegna il premio Like & Dislike per portare maggiore consapevolezza sui rapporti e le relazionali. Giovedì 28 è la volta della consegna di una borsa di studio/ lavoro alle 11 in municipio per aiutare le donne in grave difficoltà. Si conclude il 29 marzo alle 20.30 con il concerto Con sentimento: canzoni tra le due guerre nelle sala dei Concerti della Casa della musica con la soprano Paola Sanguinetti.

Il cartellone degli incontri non si ferma qui: tanti incontri anche per il mese di aprile e anche maggio, tra cui anche l’apertura di uno sportello contro le violenze e molestie, perché le donne vanno celebrate tutto l’anno e non solo l’8 marzo. Nel mese di maggio verrà consegnato il premio Le Parmigiane, ideato per riconoscere le donne parmigiane impegnate nelle comunità e che si sono distinte nel lavoro, nella creatività, nelle arti, nel sociale e anche nella scena politica.

Loading...