Come cucinare la fiorentina alla brace

349

Tra i tanti piatti a base di carne della cucina italiana, uno dei più famosi anche all’estero è sicuramente la bistecca alla fiorentina. Citato in tantissimi film e serie televisive, la fiorentina ben si accompagna ad un bel contorno di patate o fave ed accompagnata da un buon bicchiere di Chianti.

Ma come possiamo preparare questa prelibatezza direttamente dalla Toscana? Vediamo dunque di scoprirlo assieme e partiamo da come si fa a riconoscere una bella bistecca alla fiorentina.

Allora, prima di tutto, dovete procurarvi un particolare taglio della lombata di scottona o vitellone che si riconosce per la caratteristica forma a T dovuta dall’osso nel mezzo.

Pare inoltre che la bistecca alla fiorentina abbia delle origini che si perdano nel mito e nella storia. Storia che comincia, a Firenze per l’appunto, ai tempi della famosa famiglia Medici e durante le festività estive tipiche del capoluogo toscano.

Durante la festa di San Lorenzo (10 agosto) pare infatti che la città venisse illuminata di notte dai falò posti agli angoli delle strade. Falò sui quali venivano posti i grandi tagli di vitello che venivano dati alla popolazione. Mica male come “street food” dell’epoca, non trovate anche voi?

Ad ogni modo, una volta fatto questo piccolo excursus storico, per preparare una vera bistecca alla fiorentina occorre procurarsi un taglio di carne spesso almeno 4 centimetri. È poi molto importante portare questo taglio alla temperatura ambiente e passate leggermente il tutto con della carta assorbente per togliere l’umidità.

Dopodiché dovete riscaldare la vostra griglia e, proprio quando comincerete a notare che si formano le prime ceneri, potete mettere il vostro taglio di carne sopra i ferri per circa 5 minuti senza girarla troppo. Questo dipende, ovviamente, dallo spessore della carne e dal vostro gusto personale.

La fiorentina infatti, al contrario di molte altri carni, deve rimanere comunque abbastanza al sangue senza esagerare mai nella cottura. Per essere molto al sangue, la sua temperatura deve essere al di sotto dei 48 gradi mentre, per una cottura media, deve essere tra i 52 ed i 55 gradi.

Dopo aver finito di cucinare la vostra fiorentina, fatela riposare sul tagliere per qualche minuto per far modo che i suoi succhi aiutino a definire il suo sapore finale. Un “filo” di condimento et voilà! Ecco a voi la vostra bella fiorentina pronta per essere mangiata in compagnia con tutto il sapore della tradizione toscana.

Per prepararvi dunque anche voi la fiorentina, la prima cosa che dovete fare è senza dubbio procurarvi un bel barbecue degno di questo nome per preparare questo e molte altre ricette ancora (vegetariane incluse ovviamente).

Ovviamente il mercato è pieno di barbecue, diversi modelli, adatti per tutti gli spazi, le esigenze e le tasche di tutti e quindi è veramente facile fare un po’ di confusione.

Ci vorrebbe quindi un punto fermo dove trovare tutti i modelli più consigliati del momento, tante recensioni con i loro pro e contro, la Top Ten e così via. Andate quindi su www.atuttobarbecue.it per scegliere oggi il vostro fidato barbecue, compagno fedele di tantissime grigliate.


Loading...