Valuta virtuale per salvare i paesi in via di sviluppo

È una valuta virtuale che tende a focalizzarsi su aspetti speculativi, ma viene anche utilizzata per salvare i paesi in via di sviluppo e quelli che vengono chiamati non bancari che non dispongono di un conto bancario, nonché per i rifugiati. Questo articolo introduce gli sforzi di DASH, Stellar e OmiseGo nei paesi in via di sviluppo, il progetto di aiuto ai rifugiati di Bitnation e discute il ruolo della moneta virtuale in questo campo.

Valuta virtuale che attira l’attenzione nei paesi in via di sviluppo

Nei paesi in via di sviluppo e in quelli emergenti, condizioni politiche e sociali instabili e l’influenza di paesi stranieri possono causare una rapida inflazione. È un nuovo ricordo che la valuta turca e la valuta argentina abbiano registrato un forte deprezzamento nel 2018.

Al fine di ricostruire l’economia, è comune chiedere sostegno alle comunità regionali, alle alleanze, ai paesi con connessioni economiche, alla comunità internazionale e al FMI (Fondo monetario internazionale). I cittadini cercano di proteggere i loro beni ricevendo ricompense in valute estere come dollari statunitensi o scambiando le proprie valute con valute estere, se possibile. Tuttavia, nello Zimbabwe nella seconda metà del 2017, c’è stato un movimento per scambiare valuta virtuale anziché valuta estera. Pertanto, durante la bolla di criptovaluta incentrata sui paesi sviluppati, il prezzo del Bitcoin è aumentato più dei paesi sviluppati.

Nei paesi in via di sviluppo e in quelli emergenti, i dispositivi mobili sono diventati molto diffusi e i servizi finanziari che utilizzano i telefoni cellulari si sono diffusi a causa del fatto che un certo numero di persone può accedere a Internet. Secondo un sondaggio condotto dal gruppo di operatori di telefonia mobile GSMA, a partire dal 2017, il 44% degli abbonati alla telefonia mobile si trovava nell’Africa subsahariana, utilizzando i propri telefoni cellulari per conservare e scambiare denaro. Ci sono 135 servizi di moneta mobile disponibili in 39 paesi. Il Kenya Safaricom e il Sud Africa Vodacom hanno avviato i servizi finanziari basati su SMS “M-Pesa” nel 2007, che è un pioniere in questo campo. Il servizio è iniziato in Kenya e si è esteso ai paesi africani e all’India.

Circa 10 anni dopo l’avvio dell’operazione Bitcoin nel 2009, a seguito dei servizi finanziari di prima generazione, stanno emergendo nuove iniziative che utilizzano valute virtuali. Per fare un esempio concreto, diamo un’occhiata allo sgravio dell’inflazione di Dash nello Zimbabwe e in Venezuela, e agli sforzi di Stellar, OmiseGo e Bitnation per coloro che non hanno un conto in banca chiamato senza banca.

Sollievo dall’iperinflazione, sostegno agli imprenditori

Nel novembre 2017, Dash ha annunciato il salvataggio dell’iperinflazione dello Zimbabwe. È nato come XCoin nel 2014, ribattezzato Darkcoin e poi ribattezzato Dash l’anno successivo. Secondo Coinmarket Cap, la capitalizzazione di mercato a ottobre 2018 è di circa 145 miliardi di yen, che si colloca al 13° posto. Può essere considerata una valuta importante. Visita it.bitqt-app.com e resta sintonizzato.

Dash è spesso menzionato come una valuta virtuale con elevato anonimato, ma va notato che funziona anche come la prima organizzazione autonoma decentralizzata (DAO) del mondo. Il 10% del Dash appena estratto sarà raggruppato in un fondo chiamato tesoro e investito in progetti proposti dai voti in tutto il mondo. Questo meccanismo funziona anche in modo autonomo decentralizzato come Dash stesso.

Kuvacash, che ha ricevuto $550.000 in investimenti dal fondo Dash, è una startup fondata da James Saruchera dallo Zimbabwe, e nel novembre 2017, in collaborazione con Dash, l’iperinflazione dello Zimbabwe e altri problemi finanziari come l’iperinflazione. Cercando di mostrare la soluzione. Secondo Kuvacash, lo Zimbabwe ha più credito nel dollaro USA che nella propria valuta. Circolano dollari non bancari, lo Zimbabwe lava e asciuga le banconote sporche e vende banconote pulite con un margine del 10-20%. Tuttavia, il governo non ha una visione a lungo termine per migliorare questa situazione. Kuvacash offre un’app mobile gratuita che gestisce pagamenti, transazioni e scambi con dollari USA. L’obiettivo è quello di creare un mercato secondario trasparente riducendo la circolazione di costosi dollari statunitensi che non sono sotto il controllo delle banche. In futuro, i servizi finanziari specializzati in valuta virtuale dello Zimbabwe saranno forniti a chiunque disponga di un numero di cellulare unico e possa inviare messaggi.

Vash è anche un grande mercato per Dash, dove l’iperinflazione sta attualmente accelerando. In un’intervista con Ryan Taylor, CEO del gruppo principale di Dash, 800 aziende, comprese quelle più grandi, hanno già firmato per accettare pagamenti Dash. La storia di investimento del fondo di Dash sopra menzionata include investimenti in conferenze in Venezuela, investimenti in progetti che consentono di negoziare Dash e la valuta venezuelana Bolivar Soberano invece che tramite Bitcoin, utenti Dash e aziende in Venezuela. Ci sono molte cose legate al Venezuela, come investimenti in eventi da diffondere alle persone. Taylor suggerisce anche che utilizzerà la sua esperienza in Venezuela per espandersi in altri paesi ad alta inflazione.


Loading...