Ragno violino: allerta a Parma. Come riconoscerlo e cosa fare

140
Ragno-violino-parma

E’ allerta anche a Parma per quanto riguarda la presenza del ragno violino, segnalato da più di una persona. La presenza dell’esemplare è stata notata sulla vetrata di un negozio e subito è scattato l’allarme perchè come come molti sapranno non parliamo di un ragno qualunque. Il ragno violino infatti è velenoso e può risultare piuttosto pericoloso, anche se bisogna fare attenzione a non cadere in falsi allarmismi. C’è chi sostiene addirittura che questo esemplare sia potenzialmente mortale, quindi vale la pena fare un po’ di chiarezza perchè le leggende metropolitane iniziano ad essere troppe.

Chiariamo sin da subito che il ragno violino non è pericoloso fino a tal punto e che ad oggi nessuno è mai morto per la sua puntura. Si sono verificati in passato due decessi in seguito ad un contatto con questo esemplare, ma è stato ampiamente dimostrato che le persone non sono morte per il veleno bensì per patologie ben più gravi preesistenti. Detto questo, parliamo comunque di un ragno che può essere molto fastidioso e che è dotato di veleno quindi una certa attenzione è d’obbligo.

Ragno violino: come riconoscerlo

Il ragno violino si può riconoscere piuttosto facilmente: basta osservarlo mantenendosi però alla giusta distanza per evitare di essere morsi. Questo esemplare ha il corpo di color marrone chiaro, simile alla sabbia, e presenta un tipico segno più scuro nella parte centrale. Le zampe sono solitamente più chiare rispetto al corpo e anch’esse hanno un colore uniforme. Non sono presenti mai altri segni distintivi come strisce o colorazioni differenti. Il ragno violino ha dimensioni contenute, che non superano mai i 5 cm di lunghezza: questo rende spesso difficile notarlo. Tuttavia, un elemento che ci può aiutare a capire se in casa nostra c’è un esemplare di questo tipo è la ragnatela. A differenza di molti altri ragni, le ragnatele di questa spacie sono molto appiccicose e hanno un colore che va dal bianco sporco al giallognolo. Non si trovano mai sulle pareti e nemmeno lungo i rami degli alberi, perchè il ragno violino è molto schivo e preferisce le zone più nascoste ed appartate.

Il morso del ragno violino: cosa fare

Il morso del ragno violino è spesso indolore e difficile da vedere sulla pelle, almeno fino a quando non sopraggiunge l’infiammazione. La zona colpita tende a prudere parecchio nel giro di qualche ora dal morso e in seguito inizia a fare male. Compare un arrossamento tutto intorno al morso e delle piccole bollicine, segno inequivocabile che c’è un’infiammazioni in atto. In questi casi conviene rivolgersi al medico ma senza allarmarsi eccessivamente: se non compaiono altri sintomi non ha senso affollare il Pronto Soccorso e conviene piuttosto andare il prima possibile dal proprio medico di base.

La situazione è da considerarsi d’emergenza però quando ad essere morso è un bambino piccolo, un anziano o una persona particolarmente debilitata perchè affetta da qualche patologia seria. In questi casi vale la pena andare al Pronto Soccorso in modo da prevenire qualsiasi peggioramento dell’infezione e delle condizioni di salute.