Raccolta differenziata a Parma: novità in arrivo a partire da oggi

129
Raccolta-differenziata-Parma

Novità in arrivo per quanto riguarda la raccolta differenziata a Parma, che si prepara ad essere Capitale della Cultura 2020 e vuole farsi trovare al top per tutti i turisti che tra pochi mesi arriveranno in città. A partire da oggi infatti degli operatori porta a porta consegneranno ai cittadini residenti nel centro storico e Oltretorrente i nuovi sacchi gialli per la raccolta differenziata dei rifiuti in plastica. Grazie a questa misura ci sarà un maggiore controllo e sarà possibile prevenire il fenomeno dell’abbandono dell’immondizia.

Per il momento l’iniziativa sarà limitata alle zone residenziali del centro storico e di Oltretorrente, ma presto sarà estesa a tutte le altre aree della città di Parma. Vediamo nel dettaglio cosa cambierà per i parmigiani.

Nuovi sacchi gialli della plastica con codice a barre

Con la consegna dei nuovi sacchi gialli per la raccolta differenziata della plastica a Parma sarà possibile prevenire i fenomeni di abbandono e incentivare i cittadini ad un maggior impegno. Questi nuovi sacchetti, destinati alla plastica, saranno consegnati dagli operatori comunali che andranno porta a porta dai parmigiani per spiegare loro le novità di questo servizio. Cosa c’è di nuovo? Sui sacchetti gialli sarà riportato un codice a barre che corrisponderà ad ogni nucleo familiare. Se quindi dovessero essere abbandonati sarebbe possibile risalire al proprietario e procedere con i provvedimenti previsti per chi commette questo reato.

Fino al 31 dicembre 2019 i cittadini interessati potranno continuare ad utilizzare i vecchi sacchetti in loro possesso ma a partire dal 1° gennaio 2020 sarà obbligatorio l’impiego dei nuovi sacchi gialli con codice a barre. Per quanto riguarda l’orario d’esposizione invece rimane tutto invariato (dalle 19.30 alle 21.00).

Raccolta differenziata a Parma: cosa va gettato nella plastica

Ricordiamo che nei sacchetti gialli della plastica vanno gettati i rifiuti in questo materiale (con alcune eccezioni) e tutti gli imballaggi leggeri. Si potranno quindi buttare come sempre bottiglie di plastica, bicchieri, piatti, flaconi vuoti di detersivo, shampoo e via dicendo, tappi di plastica, contenitori in plastica o polistirolo, Tetra Pak ecc.

Non possono essere invece gettati nei sacchi gialli alcuni rifiuti in plastica che risultano più difficili da riciclare ossia posate, giocattoli ed oggetti in plastica dura, contenitori di alimenti pieni o eccessivamente sporchi.

Le Mini Ecostation nel centro storico

Tutti i cittadini potranno gettare i propri rifiuti in plastica anche in una delle 5 Mini Ecostation collocate nel centro storico di Parma. Queste postazioni consentono di smaltire non solo rifiuti in plastica ma anche residuo tutti i giorni della settimana, 24 ore su 24. Possono utilizzarle tutti i parmigiani mediante la presentazione della propria tessera sanitaria oppure con l’apposita Ecocard. Il funzionamento delle Mini Ecostation è semplice ed intuitivo e su ogni postazione sono riportate in modo chiaro le istruzioni per lo smaltimento dei rifiuti.

Tutte le misure di cui abbiamo appena parlato rientrano nelle iniziative messe a punto dal comune di Parma per cercare di mantenere il più possibile il decoro almeno nel centro storico della città. E’ quindi prima di tutto nell’interesse degli stessi cittadini rispettare le regole e smaltire i rifiuti nel modo corretto.

Loading...