Perché e quando ricorrere ad un massaggiatore cervicale

227

Molto probabilmente oggi tutti soffrono di disturbi cervicali, più o meno marcati e con sintomi lievi o rilevanti: si tratta comunque di un vero e proprio disagio, che spesso rende difficile svolgere le attività della vita quotidiana. Infatti, i più noti e diffusi sintomi provocati dalla cervicale includono sensazioni davvero fastidiose: mal di testa e di collo, vertigini, nausea, intorpidimento delle braccia e altri disturbi per niente piacevoli.

I motivi possono essere diversi: posture non corrette e protratte a lungo, sbalzi di temperatura, freddo, umidità, talvolta anche movimenti improvvisi e bruschi. Non a caso, questi sintomi sono molto comuni tra chi mantiene una posizione poco salutare per molte ore al giorno, è il caso ad esempio di chi lavora al computer e degli studenti.

I disturbi provocati da contratture e tensioni cervicali sono comuni un po’ a tutte le età, e non di rado obbligano chi ne soffre a ricorrere a farmaci antidolorifici e antinfiammatori, con scarsi risultati ma con fastidiosi effetti collaterali.

Perché allora non cercare di risolvere questo disagio con un metodo naturale, semplice e privo di controindicazioni? Il massaggiatore cervicale è un dispositivo di dimensioni contenute, leggero e maneggevole, facile da portare con sé anche in viaggio o da utilizzare seduti alla scrivania in ufficio, che permette di usufruire di tutti i vantaggi di un massaggio professionale, grazie alle vibrazioni o agli impulsi elettromagnetici.

Massaggiatore cervicale: come scegliere un modello di ottima qualità

In commercio oggi sono disponibili numerosi modelli di massaggiatore cervicale, dai più semplici ai più innovativi e ricchi di funzioni. La scelta dipende dall’uso che si intende farne: per un po’ di relax, magari mentre si guarda la tv sul divano, può essere sufficiente un modello basilare, mentre se l’esigenza è quella di sciogliere una contrattura, si consiglia di orientarsi verso le versioni più funzionali e complete.

È comunque importante evitare i prodotti troppo economici e scegliere un dispositivo di qualità: un’ottima idea è quella di leggere le recensioni di chi ne ha già fatto uso, e di comparare diverse versioni.

Quali vantaggi comporta un massaggiatore cervicale

L’uso di un massaggiatore per la cervicale non ha controindicazioni, è adatto a tutti e permette di ottenere subito un risultato, grazie all’azione rilassante e allo scioglimento di blocchi e tensioni.

In genere, questi dispositivi si collocano intorno al collo, risultando quindi molto pratici, ideali da indossare anche in ufficio, in auto o durante i viaggi in treno o in aereo.

Si tratta quindi di un apparecchio utile e maneggevole, da portare sempre con sé nei viaggi di lavoro e nelle vacanze.

Quali sono le funzioni di base di un massaggiatore elettrico per la cervicale

I dispositivi più sofisticati sono dotati di diverse funzioni, permettono ad esempio di scegliere l’intensità del massaggio secondo le preferenze personali, alcuni dispongono anche della funzione che riproduce i movimenti del massaggio shiatsu, e di un effetto riscaldante, molto piacevole e benefico soprattutto per risolvere i problemi di tensione o i dolori causati dal freddo.