Il 15 marzo arriva anche a Parma lo Sciopero Globale per il Clima

231
Global-strike-parma

Non si parla d’altro in questi giorni e finalmente non si tratta di un fatto di cronaca nera ma del primo tentativo di ulrare l’emergenza climatica che riguarda tutti quanti. Si chiama “Global Strike for Future” ed è il primo sciopero globale per il clima lanciato dalla giovane attivista svedese Greta Thunbergh. L’obiettivo, se non fosse ormai chiaro a tutti, è quello di sensibilizzare su una tematica di cui si parla sempre molto ma nei confronti della quale poco è stato fato fino a ora da parte dei Capi di Stato e dai Governanti mondiali. I cambiamenti climatici che stanno investendo tutto il nostro Pianeta sono allarmanti e devono spingerci a riflettere. L’emergenza non si può più trascurare ed è arrivato il momento che ogni Stato faccia qualcosa nel concreto per limitare gli enormi danni che sta subendo il nostro Pianeta.

Anche a Parma si terrà la manifestazione, con un corteo che attraverserà il centro della città e che non avrà nulla di politico. In questa occasione non saranno accettati nè simboli di partito nè bandiere: saranno tutti sullo stesso piano i manifestanti, in nome di un Pianeta che appartiene a tutti e che è responsabilità di ognuno indistintamente.

La manifestazione a Parma il 15 marzo

Il primo scioperto globale sul clima si terrà anche a Parma il 15 marzo. Il corteo dei manifestanti partirà da Piazzale Picelli alle ore 9.30 e proseguirà poi in Borgo Cocconi, via D’Azeglio e via Mazzini, per concludere il percorso in Piazza Garibaldi. Come abbiamo accennato, sono tutti invitati a partecipare ma non saranno ammessi simboli di partito o bandiere. Questo corteo non deve avere nulla di politico: i manifestanti si riuniranno per un solo ad unico scopo comune, ossia quello di sensibilizzare i governanti mondiali in merito alla tematica dei cambiamenti climatici e dei gravissimi danni che il nostro Pianeta si troverà ad affrontare se non ci saranno interventi mirati.

Siamo a Parma: una città che si trova ad affrontare giorno dopo giorno la problematica dei blocchi antismog e delle misure emergenziali.

Global Strike For Future: lo sciopero lanciato da Greta Thunbergh

Greta Thunbergh è una giovanissima attivista svedese: ha solamente 15 anni eppure è riuscita a smuovere le coscienze di tutto il mondo. Questa ragazzina ha deciso ormai da diverso tempo di saltare la scuola tutti i venerdì per recarsi a manifestare di fronte al Parlamento svedese. Il suo obiettivo? Sensibilizzare tutti e in particolar modo i governanti in merito alla questione del riscaldamento globale. Greta è arrabbiata e ha ragione. Siamo stati noi a distruggere il Pianeta in cui viviamo e adesso siamo noi a dover sistemare le cose che si possono ancora correggere. Di certo, andando avanti in questo modo, i danni che sono stati creati non faranno che peggiorare e quale sarà il futuro dei nostri figli?

E’ stata proprio Greta Thunbergh a lanciare il Global Strike For Future e fissarlo il 15 marzo. Sono state coinvolte ben 500 città in 40 Paesi e anche in Italia moltissimi studenti si preparano per la manifestazione dell’anno, o sarebbe meglio dire del secolo vista la sua importanza a livello mondiale.