Elezioni amministrative: a Salsomaggiore si riconferma Fritelli del centrosinistra

19

Fritelli si riconferma sindaco di Salsomaggiore Terme (PR) per una manciata di voti. Nonostante il calo dell’affluenza, il sindaco uscente del centrosinistra riesce a superare lo sfidante. La grande festa arriva in serata dopo un testa a testa da cardiopalma che vede il centrosinistra riconfermarsi nella città del parmense, in controtendenza rispetto al resto della penisola dove la sconfitta del Pd e alleati è disastrosa, ancora una volta.

I risultati elettorali del primo turno

15 giorni fa le elezioni amministrative a Salsomaggiore Terme non hanno indicato da subito una maggioranza schiacciante. Filippo Fritelli, sindaco uscente, sostenuto dalla coalizione di centro sinistra tra Pd e una lista civica, arriva appena al 42,96%. Sul secondo gradino del podio arriva la candidata Anna Volpicelli del centrodestra (FI – Lega – FdI – Unione di Centro) con il 36,82% delle preferenze. Giorgio Vernazza di una lista civica conquista l’11,36% dei voti e ultimo arriva il candidato del Movimento 5 Stelle Giuseppe d’Andrea con l’8,84%. La situazione non incorona un vincitore e allora si passa al ballottaggio tra i due candidati che hanno ottenuto la maggioranza dei voti: il sindaco uscente Fritelli e Volpicelli del centrodestra.

I risultati elettorali del secondo turno

Il ballottaggio finisce con un testa a testa tra il candidato di centrodestra e quello di centrosinistra. Alla file la spunta il sindaco uscente Fritelli che vince con nemmeno un punto percentuale di vantaggio: 50,66% mentre l’avversaria arriva al 49,34%. A mezzanotte e mezzo arriva la notizia ufficiale: Fritelli è riconfermato grazie a 101 voti in più rispetto alla candidata del centrodestra, con la quale il sindaco bis si congratula. La tensione delle ultime due settimane lascia spazio ai festeggiamenti con la consapevolezza di aver, purtroppo, perso consenso tra i cittadini del comune in provincia di Parma.

Per quanto riguarda i partiti e non solo per preferenze di candidato, il Partito Democratico nel comune di Salsomaggiore Terme arriva al 33,48%, tallonato dalla lega che traina il centrodestra con il 23,89%. La situazione nel comune non è da considerarsi come una cartina tornasole della situazione nazionale dato che il risultato positivo del Partito Democratico è un’eccezione: in tutto il resto di Italia i democratici registrano una sconfitta cocente. Infatti, anche nelle roccaforti rosse come Pisa, Siena e Massa, i cittadini hanno preferito un governo di destra.

Va notato come, però la posizione della Lega si rafforzi nuvolette, diventando ormai il partito numero uno della coalizione di centrodestra, rubando il primato agli azzurri di Forza Italia. Va preso atto che, nonostante le parole spesso aberranti del leader del carroccio Salvini, neo ministro dell’interno, la Lega convince sempre più elettori che indicano come urgente la situazione dei migranti e altri temi cari ai leghisti. La campagna elettorale, che continua seppur le elezioni nazionali siano finite da mesi, è efficacie e regala al partito un momento di gloria. La comunicazione di Salvini è fatta principalmente online con post, selfie e messaggi brevi e concisi, spesso con parole d’odio ma che, evidentemente, trovano un riscontro nella popolazione che l’ha addirittura portato al governo del Paese.