La corrispondenza ai tempi del Covid-19

Nonostante il numero di riferimento per il SARS-CoV-2 sia il 19, anno della sua comparsa nella città di Wuhan, Cina, il 2020 sarà per sempre ricordato come l’anno del virus, o l’anno della pandemia. In questi tempi assolutamente bizzarri, il mondo della comunicazione e degli affetti è diviso in due, tra un ritorno al passato e uno slancio verso il futuro.

Se, da un lato, la comunicazione online, lo smart working, i meeting su zoom e la collaborazione a distanza sono stati di fatto catalizzati dall’arrivo della quarantena, d’altro canto stiamo anche assistendo a un ritorno all’utilizzo della posta, dei corrieri e dei servizi di spedizione, per rimanere connessi ad amici, familiari e colleghi non più raggiungibili tramite una semplice visita.

Anche il mondo della corrispondenza, tuttavia, è rinnovato, e sempre più rivolto al futuro, specialmente dopo l’avvento del virus e il cambiamento della società in cui viviamo e lavoriamo. L’utilizzo sempre più frequente di questo tipo di risorse ha infatti aumentato la sensibilità degli utenti, e l’impegno degli stessi a trovare soluzioni affidabili e sostenibili, anche per quanto riguarda l’investimento richiesto.

Sono diversi i servizi che hanno rivoluzionato l’industria della corrispondenza negli ultimi anni, ma tra questi spicca sicuramente ParcelABC, che alcuni definiscono lo Skyscanner delle spedizioni nazionali e internazionali. Il funzionamento è semplice quanto innovativo per il settore: basta infatti inserire i dati relativi alla spedizione – mittente e destinatario, caratteristiche del pacco, ecc. – e subito si visualizzerà una lista di possibili metodi di spedizione. Tra questi troverete giganti come GLS, Bartolini, UPS, e molti altri, così come un servizio di ritiro e consegna operato direttamente da ParcelABC. Basterà quindi scegliere l’offerta più vantaggiosa e consona alle vostre necessità, e pagare sicuramente online, assicurando anche la spedizione, qualora questo sia di vostro interesse.

Le spedizioni sono, di questi tempi, uno degli unici modi di scambiare oggetti con familiari, amici e conoscenti. Sono inoltre una risorsa importante per lo scambio di beni di consumo e per la compravendita online. La possibilità di scelta, in un settore in cui decenni fa regnava un simil-monopolio dei servizi postali statali, è proprio ciò che garantisce prezzi competitivi e servizi affidabili. Per questo motivo, la comodità di avere immediatamente accesso alle offerte disponibili, confrontandole come siamo abituati a fare con i più comuni motori di ricerca, è qualcosa di incredibilmente vantaggioso, a servizio dei consumatori.

Nel 2020 si è registrato un aumento esponenziale delle spedizioni, con picchi fino al 73% a metà febbraio. Dopotutto i settori come l’e-commerce e la corrispondenza sono stati costretti a operare in maniera straordinaria durante la quarantena. Le statistiche sono rientrate dopo l’apice primaverile, ma si prospettano un autunno e un inverno profondamente incerti, su cui aleggia lo spettro di un nuovo lockdown.

È proprio delle ultime ore l’annuncio della chiusura della Campania, che potrebbe essere un primo campanello d’allarme, e portare altre regioni a seguire l’esempio del governatore De Luca, soprattutto al nord, dove Lombardia e Piemonte stanno nuovamente registrando numero record per quanto riguarda i contagi.