Investimenti, con l’incubo lock down si torna a guardare alla rete

Una crescita esponenziale per un settore che già di suo, senza spinte esterne, era in ascesa già da qualche anno. Ed è servito il Covid con tutto il suo carico di disagi per farlo salire ancora tra gli indici di gradimento degli utenti in Italia e per portarlo alla ribalta della cronaca facendolo conoscere anche a chi (non molti) ancora non lo avevano sentito nominare.
Si sta parlando del trading online, ovvero della possibilità di investire sfruttando la rete: sebbene operare in totale autonomia facendo ricorso alle tecnologie multimediali non sia poi così semplice tantomeno sicuro, questo approccio si sta facendo largo.
Si perché per investire con questa modalità non occorre rivolgersi a promotori finanziari che inseriscano gli ordini per conto di un cliente, può essere lui stesso a fare tutto in totale autonomia. Un po’ il mito del self made man che sta contagiando tanti trader, anche non esperto, che si lanciano nell’avventura. Ed il fatto di non essere sempre preparati dal punto di vista tecnico e di lasciarsi trascinare dall’ipotesi di guadagnare da casa non è certo un aspetto positivo.

Gli step per investire nel Trading

Se guadagnare con il trading è un sogno di molti, alcuni riescono a farlo realmente: sul sito comefaretradingonline.com è presente un vademecum di tutto quello che occorre per iniziare ad investire con questa modalità che comprende quindi aspetti quali la scelta della piattaforma e la preparazione tecnica.
Per il primo aspetto, attenzione a chi ci si rivolge: non sono pochi i broker che operano senza avere ire quisiti minimi di sicurezza, quindi fuori dalla legge. E spesso sono piattaforme all’apparenza normali, che offrono anche vantaggi per attirare i trader. Ad oggi è possibile usare le piattaforme di trading online anche tramite le principali banche, che si sono ovviamente lanciate nel business.

Il rischio lock down

Si diceva che il lock down della scorsa primavera ha amplificato il ricorso alla rete; non soltanto per gli investimenti ma per tanti altri aspetti della vita quotidiana. Investire in rete è immediato, non richiede di uscire di casa (aspetto che di questi tempi è certamente ben visto) né di rivolgersi ad intermediari.
Attenzione però a non credere che sia tutto facile: di semplice c’è solo l’approccio, quindi la facilitò di accedere al mercato. Che non vuol dire assolutamente che il guadagno sia immediato e garantito, visto che il trading online continua ad essere, ad oggi, una attività ampiamente a rischio e dalla quale solo un ristretto numero di utenti riesce a guadagnare.