Consigli di arredamento, dal low cost all’artigianale

Il nuovo anno ormai alle porte può rappresentare il momento giusto per rinnovare l’arredamento della nostra abitazione. Andiamo a vedere alcuni degli stili più in voga al momento per cercare di capire quale possa essere il più indicato per i nostri gusti personali; il tutto seguendo i consigli di Lacasasemplice, portale dove è possibile trovare tutto sulla casa e l’arredamento.

La razionalità dello stile scandinavo

Ormai da anni, lo stile scandinavo sta conquistando nuovi adepti, soprattutto per effetto del minimalismo che lo distingue. L’utilizzo dominante del bianco, che può essere accoppiato a qualsiasi colore, unito a quello di materiali naturali come il legno, ha imposto lo stile nordico alla stregua di un vero e proprio must. Dando vita ad un mix intrigante che a detta degli esperti di arredamento potrebbe restare di moda ancora per molto.

I toni caldi dello stile mediterraneo

Di segno completamente opposto un’altra tendenza attuale, ovvero lo stile mediterraneo. Nel quale il bianco va ad abbinarsi a tinte come il blu e l’ocra, cercando di ricreare un ambiente caldo e accogliente come una delle tante spiagge che caratterizzano le coste del vecchio continente. In particolare, le tinte chiare danno modo agli ambienti di risultare più spaziosi, rivelandosi un modo di allargare visivamente spazi non eccessivamente grandi.

Lo stile artigianale

Molto in voga anche lo stile dell’artigiano, iniziato nel corso degli anni ’60 del XIX secolo dal designer inglese William Morris, fondatore del movimento Arts and Crafts. La sua intuizione iniziale consisteva nell’uso di materiali naturali locali e linee pulite con il preciso intento di dare vita ad un design personalizzato alla portata di tutti. Uno stile in cui ogni ambiente ha un suo scopo, grazie alla semplificazione operata tramite l’uso di diversi colori di vernice, pavimenti e complementi d’arredo.

Il low cost

Per chi detesta lo spreco, la tendenza adatta può senz’altro essere rappresentata dallo stile low cost. Nel quale la ricerca di soluzioni valide esteticamente, ma anche funzionali si sposa con l’attenzione al costo, senza però andare ad incidere eccessivamente sulla qualità del risultato finale. Una tendenza che si va affermando sempre di più per effetto di un nuovo stile di vita che punta all’eliminazione del superfluo. Chi lo pratica può decidere di rifornirsi con le svendite per rinnovo locali o le tante occasioni dei mercatini. Con risultati spesso sorprendenti.

Lo shabby chic fa sempre tendenza

Lo shabby chic, da alcuni indicato erroneamente anche come stile provenzale, continua a rappresentare un punto di riferimento per molte persone. I suoi richiami al passato gli consentono infatti di essere una tipologia d’arredamento ideale per chi ha deciso di dedicarsi alla campagna. Al suo fascino retrò concorrono in particolare i mobili in legno, i colori chiari e leggeri come il bianco e tutta la gamma dei colori pastello, e l’utilizzo di tessuti come cotone e lino. Un successo, quello dello shabby chic, il quale va a legarsi ad una tendenza sempre più in vigore, il recupero dei mobili antichi da restaurare.