Aspirapolvere senza fili: tecnologia cordless per le pulizie

La tecnologia cordless applicata anche al mondo delle pulizie: per quanto può sembrare strano (o almeno, per quanto avrebbe potuto apparire strano qualche anno fa) oggi è realtà. Cresce l’esigenza di performance sempre più elevate anche nel campo degli elettrodomestici, per attività legate alla vita quotidiana come nel caso delle pulizie. 

Una delle ultime applicazioni ha riguardato il settore degli aspirapolvere: un mercato vasto che comprende oggi dispositivi con o senza sacchetto; e, per ampliare il campo, con o senza fili. Si parla di aspirapolvere senza fili, cordless per dirla in termini più tecnici. Il tutto facendo ricorso a batterie specifiche che possono variare per durata e prestazioni.
Gli aspirapolvere cordless possono essere impiegati per vari utilizzi, da quello domestico a contesti lavorativi, uffici o altro: eliminare il filo elettrico che finiva spesso in mezzo ai piedi, in fase di pulizie, è stata una conquista che ha portato oggi ad avere una vasta scelta sul mercato. Vediamo allora come scegliere il miglior aspirapolvere senza fili tra quelli in commercio.

Parametri per scegliere un aspirapolvere cordless

Addio al cavo elettrico, che oltre che scomodo in alcuni casi può essere finanche pericoloso: soprattutto per persone di una certa età che rischierebbero di inciampare. In termini di comodità, si pensi a quando si deve effettuare la pulizia di un ambiente particolarmente grande, o magari disposto su più piani: ecco che poter contare su un dispositivo senza fili elettrici può rappresentare una grande comodità.
Il primo parametro che deve essere valutato per l’acquisto di un aspirapolvere cordless senza fili è riferito alla durata della batteria: da questo elemento dipenderà l’uso che su potrà fare del dispositivo. Più alta sarà la durata e maggiore sarà l’utilizzo che si potrò fare dell’ aspirapolvere, anche in campo professionale e non solo domestico.  

Potenza dell’aspirapolvere

Anche il fattore potenza è un elemento che dovrà essere approfondito al meglio in fase di scelta: se l’aspirapolvere sena fili sarà per uso domestico, quindi per le pulizie di casa, ci si potrà rivolgere anche a modelli non particolarmente potenti. Viceversa, se si devono affrontare pulizie più consistenti, magari dopo una ristrutturazione che abbia portato particolare quantità di polvere, si dovrà salire di potenza in fase di scelta (alcuni modelli hanno anche funzionalità turbo).
Da valutare poi la presenza o meno di accessori extra: spesso questi dispositivi sono implementati da tubi extra di diverse dimensioni, spazzole particolari, strumenti rotanti per pulizie più approfondite.  
Da ricordare poi che i modelli più recenti presentano un sistema intelligente in grado di spegnersi in autonomia una volta che le pulizie sono terminate; o quando si riscontra un problema, come nel caso di materiale che dovesse incastrarsi al suo interno. Ultime conquiste tecnologiche per dispositivi da sempre esistiti e che, oggi, possono garantire performance molto elevate.  

 


Loading...