Subscribe to Il Mattino di Parma

quotidiano web indipendente - sab-1-novembre-2014

di ANNALISA ANDOLINA

“Primi ad avere le liste pronte ma ultimi a presentarci alla stampa”. Esordisce così Andrea D’alessandro, ottavo nella lista dell’Emilia Romagna durante la presentazione di sabato mattina alla Corale Verdi dei candidati al Parlamento del Movimento 5 stelle di Parma e Provincia. Con lui in corsa per le elezioni politiche del 2013 ci sono Franco Bressanin, Patrizio Bimbi, Paola Gherardini, Alessandro Guardamagna e Maximiliano Vigolini.La motivazione della ‘tempistica’ è tutta nel dna portato avanti dagli attivisti del movimento di Beppe Grillo. “Finora abbiamo fatto incontri con i cittadini e seguito corsi di formazione“. Non professionisti della politica ma cittadini spesso alla prima esperienza in campo: i 5 stelle lo ribadiscono ancora una volta. “La partecipazione viene prima di tutto – aggiunge D’Alessandro, primo tra i parmigiani nella votazione online dei candidati -. Contro il voto di delega, vogliamo un rapporto diretto con i cittadini”. Tra le proposte dei 5 stelle c’è l’introduzione di referendum propositivi e l’eliminazione del quorum. “Non siamo contrari al quorum, – spiega Alessandro Guardamagna, 43enne candidato alla Camera e attivista dal 2010 con Parma in Movimento. – Siamo contrari all’uso che ne è stato fatto negli ultimi 20 anni dalla politica per dire ai cittadini: ‘non andare a votare che è meglio che le cose rimangano così’. “Occorre almeno portare in discussione in Parlamento le leggi di iniziativa popolare”, aggiungono ancora i candidati ricordando le 350mila firme a sostegno della iniziativa Parlamento Pulito accantonata una volta giunta a destinazione.

E’ su questo presupposto che si basa l’Agenda Grillo, partendo dal cardine di una Costituzione finora “calpestata” che torni a garantire invece lavoro, salvaguardia dell’ambiente, partecipazione nella gestione dello Stato, promozione sociale ed eguaglianza nella legge. “Tutti devono vedersi garantite le minime necessità come casa, cure mediche, istruzione, vestiti, trasporti, diritto allo studio – dichiara illustrando le linee guida del programma 5 stelle il candidato alla Camera Franco Bressanin. Ciò alla luce però di un “utilizzo razionale delle risorse, usandole al massimo e al meglio”. “Sono arrabbiato perchè in Italia le cose non vanno come devono andare. In Parlamento serve portare un cambiamento che sia una scelta soprattutto per il futuro dei giovani e per i loro sogni”.

Legge anticorruzione al primo posto; la “specialità” tutta grillina di un reddito di cittadinanza di base; abolizione dei contributi ai partiti e anche, nell’ambito della riduzione della spesa pubblica, delle Provincie e accorpamento dei Comuni al di sotto dei 5mila abitanti; poi un referendum sulla permanenza nell’euro; legge sul conflitto d’interesse; ripristino dei fondi tagliati alla sanità e alla scuola pubblica e misure per il rilancio delle piccole e medie imprese sul modello francese: questi alcuni dei 16 punti dell’Agenda 5 stelle.

Tra le proposta del Movimento c’è poi un intervento significativo rivolto ai mezzi’ d’informazione: abolizione immediata dei finanziamenti diretti e indiretti ai giornali e istituzione di una sola rete pubblica, senza pubblicità, indipendente dai partiti. “Nessuno si è mai occupato seriamente in particolare della tv – spiega Paola Gherardini, candidata al Senato -. E’ venuto meno il ruolo d’informazione e ascolto responsabile della stampa con una tv, il mezzo più seguito, che per anni ha partorito solo le notti di Arcore.  E’ invece necessario pilotare, tramite questi mezzi, la prevenzione contro la violenza sulle donne per la tutela delle pari opportunità, dei diritti umani e dell’equità. Lo stato deve tornare a essere credibile. C’è bisogno di etica”, conclude la candidata di Lesignano.

    Both comments and pings are currently closed.

    1 Response

    1. Patrizio Bimbi Says:

      Faccio rispettosamente notare che il sottoscritto era, come da voi effettivamente dichiarato, effettivamente trai presenti in Sala (contrariamente a Maximiliano Vigolini, in quanto indisposto) e che a mia volta ho parlato (semplificando) del doveroso riappropriamento della sovranità politica, territoriale, ed economica del cittadino, tutte cose di cui non vi è nessuna traccia nel vostro pezzo, dedicato alla conferenza stampa dei candidati parlamentari M5S.
      Non c’è problema, sono cose che capitano, soprattutto quando si sceglie di abbandonare anzitempo la sala, probabilmente per non tardare rispetto all’orario di pranzo.

      Distinti Saluti

      Patrizio Bimbi
      (Candidato Parlamentare M5S alla Camera dei Deputati)

      Posted on febbraio 4th, 2013 at 12:47

    Il Mattino TV

    Eroina, maxi operazione: sgominata banda di produttori da 20mln di euro VIDEO

    Più che pusher, più che trafficanti. La banda italo albanese sgominata dai Carabinieri del Comando Provinciale di Parma negli scorsi giorni era un preparatissimo nucleo formato da due chimici, un poliziotto, trasportatori, spacciatori e fornitori di ...